CONCORSO #arpaVideo 2019 – Eco Garbin: 2° Classificato

ARPAV, Agenzia Regionale per la Prevenzione e Protezione Ambientale del Veneto: concorso regionale per la produzione di brevi video, finalizzati a promuovere nella comunità stili di vita sostenibili e nuova consapevolezza sui limiti dello sviluppo, sulla ridotta capacità di ambienti e ecosistemi di adattarsi al continuo aumento delle pressioni antropiche e sulla necessità di contenere lo sfruttamento delle risorse naturali.

Il Garbin verso la gara nazionale a Tolosa

Il Garbin verso la gara nazionale a TolosaProgramma Erasmus plus: l’IPS “G.B. Garbin” a Tolosa (Francia) per la gara nazionale di auto a energia solare

L’ IPS “G.B. Garbin” di Schio parteciperà Sabato 25 Maggio a Tolosa (Francia) alla gara nazionale delle automobiline radiocomandate ad energia solare. L’importante appuntamento coinvolge un gruppo di 14 studenti delle classi 3 AM (indirizzo manutenzione e apparati elettrici) e 3 CMt (indirizzo trasporti) e un ragazzo di 4 Cmt, che saranno accompagnati da tre docenti.

È la seconda tappa di mobilità internazionale che vede coinvolti i nostri ragazzi e un altrettanto gruppo di studenti francesi del Lycée di Mirepoix (Tolosa), protagonisti del progetto  denominato “Energy Universal Language of Sun” finanziato dal programma Erasmus plus 2014-2020.

La partenza per la Francia è prevista per Mercoledì 22 Maggio ed il rientro per Domenica 26 Maggio. I cinque giorni saranno scanditi dalla visita ad Aeroscopia, cittadella della scienza e della tecnica a Tolosa, e poi dai preparativi tecnico-pratici per la gara di sabato 25 Maggio, che vede iscritte 36 scuole da tutta la Francia. La Il Garbin verso la gara nazionale a Tolosanostra scuola, in sintonia con lo spirito del programma Erasmus plus, parteciperà con due squadre miste italo-francesi, che indosseranno delle casacche rosso ‘Ferrari’ preparate su misura dalle studentesse di 3^ del settore moda del Garbin, sede di Thiene.

Durante il soggiorno a Mirepoix-Tolosa, i nostri studenti saranno ospitati in casa delle famiglie degli studenti francesi, così da vivere fino in fondo lo spirito di incontro, scambio e conoscenza di altre culture, identità e tradizioni proprie dei progetti Erasmus plus.

Stampa:

Altovicentino.it 

M’illumino di meno 2018

“23 FEBBRAIO 2018 M’ILLUMINO DI MENO”

Venerdì 23 febbraio 2018 si celebra la 14° di “M’illumino di Meno”, la Giornata del  Energetico lanciata dalla popolare trasmissione radiofonica Caterpillar, in onda su RAI Radio 2.

Nell’ambito delle politiche ambientali, il nostro Istituto ha aderito all’invito e chiama tutti a partecipare alla giornata del risparmio energetico.

L’edizione di quest’anno è dedicata in particolare al tema del camminare. Oltre agli spegnimenti e al risparmio energetico, si invitano, quindi, tutte le componenti scolastiche a compiere un gesto di condivisione dell’iniziativa, facendo una passeggiata.”

Risultati concorso ASOC – A Scuola di OpenCoesione

Il Team Hot Tube di IPS Garbin di Schio si è piazzato al 32° posto, su 139 scuole finaliste, con 74,1 punti.
Un buon risultato finale, che vede il Garbin come primo assoluto tra gli Istituti Professionali partecipanti.
Inutile sottolineare che la maggior parte delle scuole concorrenti sono Licei o Istituti di Istruzione Superiore.
 
Orgogliosi dei nostri studenti della Manutenzione di base, che hanno dimostrato un impegno, una tenacia e un senso di responsabilità al di là di ogni aspettativa, sfidando un compito con richieste di livello molto alto.
Possiamo dire di aver fatto un bel salto di qualità.
I docenti responsabili del Progetto,
Michele Trabucco e Annalisa Maule
***
Di seguito il link con la classifica dei vincitori:
http://www.ascuoladiopencoesione.it/asoc1617-vincitori/
e il link al Blog del Team Hot Tube, con i Report dei nostri ragazzi:
http://www.ascuoladiopencoesione.it/blogs/1/814

Mostra: Oltre l’uomo

Oltre l’uomo, da Leonardo alle biotecnologie

Martedì 14 marzo le classi 5°EMT e 5°DMA, sono andate a visitare la mostra “oltre l’uomo, da Leonardo alle biotecnologie” allestita presso il lanificio Conte a Schio, edificio legato alle origini della produzione tessile nella Val Logara e alla nascita del sistema fabbrica che portò, come conseguenza, sviluppo sociale e urbanistico.

La mostra è organizzata in molte sale collegate tra loro tramite un percorso ben definito che ha lo scopo di far ripercorrere ai visitatori lo sviluppo delle tecnologie dalle più antiche fino a quelle più moderne.

Le classi sono state accolte da due guide e suddivise in due gruppi, la visita è iniziata mostrando loro la prima sala in cui era presente un riassunto della mostra: da oggetti antichi per la lavorazione del legno e dei metalli fino al “Fab lab” e la stampante 3D.

Oltre l'uomo

La seconda sala è dedicata ad alcune delle più importanti invenzioni di Leonardo, qui, vi sono esposti i disegni ed alcuni manufatti. Nella sala successiva è presente il primo telaio con spoletta per la produzione in serie dei tessuti. Il telaio permise un incremento della produzione e quindi un abbattimento dei costi della manodopera poiché la tessitura richiedeva meno personale abile al mestiere. L’immagine sottostante ritrae la scuola di tessitura di Schio.

Sempre nella stessa grande sala centrale è esposta anche la prima macchina per l’incarto automatico delle caramelle, anche questo macchinario, come il telaio, ha sostituito molti operai perché girando una manovella, si eseguiva in breve tempo tutto il lavoro di imballaggio che prima richiedeva molto tempo e precisione per l’operaio.

Nell’immagine seguente viene mostrato un prototipo di macchina a vapore, essa funziona sfruttando la pressione del vapore prodotto facendo bollire l’acqua presente nella caldaia e convogliandolo in un cilindro con all’interno un pistone che viene mosso dalla forza del vapore stesso e genera un moto rettilineo che tramite un albero a gomiti è trasformato in moto circolare, con il quale è possibile svolgere diversi lavori come movimentare un treno, una macchina o far funzionare un macchinario.

Nella sala seguente è possibile ammirare la Model T, la “Automobile Universale” fortemente voluta da Henry Ford, fu annunciata in America nell’ottobre 1908. Con questa automobile nel 1913 divenne operativa la prima catena di montaggio. Una volta a regime la fabbrica di Ford T ne assemblava una ogni ora e mezza, in totale ne vennero prodotte 15 milioni.

Un’altra grande sala era interamente dedicata allo sviluppo della medicina e delle case farmaceutiche. Qui sono presenti svariati oggetti con molteplici funzioni ed impieghi, viene mostrata l’evoluzione dei metodi di diagnosi e cura delle malattie: gli oggetti presenti sono disposti a partire dalla prima macchina per i raggi X, l’esposizione di alcune parti del corpo umano vere che sono state amputate e sottoposte ad un particolare trattamento che permetta loro di non deteriorarsi e per finire sono esposte alcune moderne protesi che consentono di recuperare la mobilità perduta a causa della mancanza di un arto.

La penultima sala è dedicata al progetto F.L.Y. che consiste nella riproduzione di una realtà 3D virtuale (tramite l’uso di speciali occhiali provvisti di uno schermo al loro interno). Il progetto ha come scopo l’aiuto e la donazione di nuove speranze per i malati terminali costretti a vivere rinchiusi in una sala di ospedale, grazie a questi speciali occhiali infatti, è possibile “viaggiare e visitare” diversi luoghi del mondo rimanendo sempre fermi nello stesso posto.

Nell’ultima sala è esposta il massimo della tecnologia presente oggi, come la macchina per il calcolo della felicità, che grazie ad una telecamera ed un software per il riconoscimento facciale è in grado di determinare il sesso, l’età e il livello di felicità della persona inquadrata.
Un altro macchinario molto tecnologico presente è la stampante 3D che grazie ad un sistema di rilevamento della persona o dell’oggetto riesce a riprodurre una sagoma in materiale plastico con le stesse delineature e fisionomie dell’oggetto preso in esame. Nell’immagine seguente è immortalato uno studente della classe 5° EMT durante una scansione con il macchinario sopra descritto, nello schermo, contrassegnata con il colore verde, è possibile notare la scansione del soggetto eseguita della macchina.

Nell’immagine seguente è ritratta la classe 5°EMT ,accompagnata dalla professoressa Scortegagna, durante la spiegazione della guida, la quale si è dimostrata molto preparata ed esaustiva nelle descrizioni.

La mattinata si è conclusa con la visita alla mostra fotografica dedicata ai tumori al seno, la mostra ha lo scopo di sensibilizzare i cittadini verso l’inquinamento del territorio, qui sono esposte molteplici foto di donne che hanno dovuto combattere con questa forma tumorale causata dall’inquinamento atmosferico. La Pianura Padana rientra tra le zone più inquinate d’Europa e d’Italia, Schio è il paese più inquinato della provincia di Vicenza.La mostra ha avuto lo scopo anche di sollecitare gli studenti e le loro famiglie ad eseguire una migliore raccolta differenziata, così facendo si potranno aumentare i rifiuti riciclati e diminuire le tonnellate di materiale indifferenziato bruciate dall’inceneritore di Schio. L’immagine sottostante ritrae la suddetta mostra.

Marangon Nicolò                                                                                             classe 5^EMT