Scuola Aperta 2020/21

Scarica il Volantino


SCUOLA APERTA
per
capire cosa e come si impara
visitare ambienti e laboratori
parlare con docenti e studenti
chiarire dubbi e incertezze
scegliere con consapevolezza

———————————————————————————–

SCHIO
Via Tito Livio 7 tel. 0445523072

Manutenzione e Assistenza Tecnica
Industria e Artigianato per il Made in Italy Meccanica
Servizi Commerciali
Servizi per la Sanità e l’Assistenza Sociale

SABATO 14 DICEMBRE 2019 – ore 17.00-19.30

SABATO 11 GENNAIO 2020 –  ore 17.00-19.30

Visite guidate su appuntamento a dicembre e gennaio
———————————————————————————–
THIENE
Via Rasa 6 tel.0445 366277

Manutenzione e Assistenza Tecnica
Industria e Artigianato per il Made in Italy Meccanica
Industria e Artigianato per il Made in Italy Moda
Servizi Commerciali
Servizi per la Sanità e l’Assistenza Sociale

SABATO 30 NOVEMBRE 2019 – ore 14.30-18.00

SABATO 11 DICEMBRE 2019 –  ore 14.30-18.00

Visite guidate su appuntamento a dicembre e gennaio


Scarica il Volantino

Thiene 1492

L’edizione 2019 della rievocazione storica “Thiene 1492” si è appena conclusa e due sole parole bastano per descrivere questa esperienza: successo e felicità! Ebbene sì, sono stati due giorni intensi, di grande affluenza, ma ricchi di soddisfazione per tutti i partecipanti.

Le allieve dell’indirizzo moda (1APTH, 2APTH, 4APTH, 5APTH) hanno ricreato un laboratorio di sartoria, di uncinetto e di ricamo lungo Corso Garibaldi, assieme all’esposizione, all’interno di quadri, di preziosi costumi in miniatura d’epoca rinascimentale arricchiti da perline e realizzati interamente a mano dagli studenti. Contemporaneamente alcune alunne della classe 3ASTH dell’indirizzo socio-sanitario hanno animato i Giochi di strada.

Un momento di condivisione, di inclusione dove ancora una volta l’istituto Garbin si è fatto apprezzare e ha rafforzato il rapporto con il territorio e l’associazione “Amici di Thiene”.

Grazie a tutti e arrivederci all’anno prossimo

Le professoresse Maria Assunta Berdin, Michela Dal Ferro, Alessandra Gnata, Stefania Pizzolato

Borsa dei progetti formativi – ITS Meccatronico 2019-2021

Il pomeriggio del 14 Ottobre per i ragazzi dell’ ITS Meccatronico della sede dell’Alto Vicentino, si apre con l’incitamento a fare del proprio meglio rivolto a loro dal DS dell’IPSIA “G.B.Garbin”, Prof. Alessandro Strazzulla. Dopo i ringraziamenti di rito indirizzati ai referenti delle aziende ed ai rappresentanti di ITSMeccatronico, convenuti presso l’Aula Magna dell’IPSIA “G.B.Garbin”, il neo-Dirigente ha ceduto la parola al Direttore di ITSMeccatronico Veneto, Ing. Spanevello, che ha illustrato brevemente la formula ITS e lo scopo della sessione dei lavori. Come accade già dal 2016, cioè da quando ITSMeccatronico, che ha sede presso l’IPSIA “G.B.Garbin” e l’ITIS “S.De Pretto”, per intuizione della DS Prof.ssa Maino ha mosso i primi passi nell’Alto Vicentino, aziende e corsisti si incontrano, si studiano reciprocamente, ma principalmente si conoscono in un clima aperto e sereno di reciproco e manifesto interesse. Questo ribalta quella che è la comune percezione di ciò che un tradizionale percorso formativo rivolto a dei ragazzi diplomati può attuare. I ragazzi che partecipano alle selezioni di ITSMeccatronico, solo dopo aver conseguito il diploma di Scuola Secondaria Superiore, vogliono entrare nel mondo del lavoro come la maggior parte dei loro coetanei che non scelgono un percorso universitario, ma cercano la specializzazione e l’approfondimento tecnico e pratico che qui in ITSMeccatronico si matura con il metodo del “learning by doing”. Fin da subito, come loro stessi hanno spontaneamente espresso durante le brevi attese necessarie allo svolgimento dei colloqui individuali, i ragazzi si sono sentiti al centro di una realtà che parla in modo comprensibile di lavoro, di obiettivi professionali e progetti concreti. In effetti è questo il punto focale in cui può anche avvenire l’incontro tra domanda ed offerta in ambito occupazionale. Per la cronaca i referenti aziendali che hanno risposto all’invito della segreteria di ITSMeccatronico hanno presentato i progetti formativi (uno o più per azienda). Le modalità di presentazione sono state varie. I referenti intervenuti hanno proiettato e commentato dei video o delle presentazioni multimediali, oppure si sono rivolti ai ragazzi semplicemente raccontando la realtà dell’azienda che rappresentavano. I corsisti seguivano le presentazioni con attenzione. Al termine, presso le postazioni attribuite a ciascun referente aziendale, i corsisti hanno potuto presentarsi per approfondire i temi trattati, avere maggiori dettagli e farsi conoscere meglio dai referenti stessi. Questo è un primo momento a cui seguiranno i colloqui presso le sedi aziendali. Tutto questo per cercare il matching migliore tra azienda, progetto formativo e corsista. I ragazzi saranno seguiti da un Tutor Aziendale ed un Tutor ITS, che verranno coadiuvati dalla Segreteria di ITSMeccatronico e si interfacceranno con lo staff di coordinamento di sede (Coordinatore ed Aiuto coordinatore) per monitorare i progressi e le eventuali criticità che dovessero emergere durante il percorso. Il prossimo momento che caratterizzerà il percorso sarà quello durante il quale i corsisti incontreranno i formatori di Teamworking. Ma di questo parleremo più avanti.

Angelo Grisolia

Inaugurazione Anno Accademico ITS Meccatronico Veneto

All’interno della Rassegna Citemos, che si sta svolgendo a Vicenza tra il 4 ed il 12 Ottobre, ITS Meccatronico Veneto inaugura l’inizio dell’Anno Accademico. La location scelta è quella del Teatro Civico di Vicenza. Diversi i temi affrontati durante questa kermesse. In particolare quello di oggi, Lunedì 7 Ottobre è TECH IMPACT – LUCI E OMBRE DELLO SVILUPPO TECNOLOGICO APERTURA ANNO ACCADEMICO ITS MECCATRONICO VENETO. I ragazzi delle scuole della Provincia di Vicenza hanno raccolto e risposto in modo eccezionale all’invito. Sul palco Giorgio Spanevello, Direttore della Fondazione ITS Meccatronico Veneto, illustra i lusinghieri risultati raggiunti ad “una emozionante distesa di magliette rosse”. Dalla fase di startup, l’organizzazione, ha concretizzato la propria attività di Alta Formazione sulle diverse sedi che portano i contenuti del corso nei bacini di Vicenza, Verona, Schio, Padova, Treviso, Mestre, Montebelluna, e che ad oggi può dirsi entrata nella fase di maturità. Due i momenti particolarmente apprezzati dalla platea: quello relativo alla presentazione di applicazioni robotiche avanzate ed intelligenza artificiale che Gianmarco Montanari – Direttore Generale Istituto Italiano di Tecnologia, ha proposto ai ragazzi. Gli interventi a seguire sono stati moderati da un ottimo Paolo Gila, Giornalista di Rai 3. Il secondo momento topico è stato quello della condivisione dell’esperienza che due ex allievi, Carlo Tasca ed Emiliano Salvato, hanno voluto offrire alla platea di coetanei. Il loro racconto ha dato modo ai molti ragazzi, che li ascoltavano con attenzione, di avvertire quali emozioni e quali soddisfazioni abbiano potuto raccogliere durante il biennio dedicato all’approfondimento delle conoscenze teoriche ed al potenziamento di abilità pratiche che hanno perfezionato durante il TeamWorking (disciplina che caratterizza il metodo didattico ITSMeccatronico Veneto ndr). Gli stessi infatti hanno sottolineato come la capacità di lavorare in team sia stata la chiave di volta per entrare in sintonia con l’ambiente lavorativo in cui oggi sono serenamente inseriti nell’ambito operativo del Mechanical Design e del Test Engineering in aziende strutturate e modernamente organizzate. La manifestazione si è conclusa con alcuni interventi dalla platea e la speranza di aver indicato ai ragazzi una prospettiva incoraggiante per il loro futuro professionale.

Vicenza 07/10/2019  – Angelo Grisolia

CONCORSO #arpaVideo 2019 – Eco Garbin: 2° Classificato

ARPAV, Agenzia Regionale per la Prevenzione e Protezione Ambientale del Veneto: concorso regionale per la produzione di brevi video, finalizzati a promuovere nella comunità stili di vita sostenibili e nuova consapevolezza sui limiti dello sviluppo, sulla ridotta capacità di ambienti e ecosistemi di adattarsi al continuo aumento delle pressioni antropiche e sulla necessità di contenere lo sfruttamento delle risorse naturali.