I ragazzi del Garbin di Thiene alla scoperta di Umberto Matino

Il 25 gennaio le classi prime e seconde del Garbin di Thiene, in lizza per il concorso Bravo chi legge, hanno incontrato lo scrittore Umberto Matino, di cui hanno letto l’opera prima “La valle dell’orco”, romanzo giallo ambientato in una contrada persa e un po’ “roversa” dell’alto vicentino. E’ stato un momento speciale per i ragazzi che sono arrivati all’incontro “super attrezzati”, con il romanzo in mano, pieni di domande e curiosi di conoscere l’autore, di sapere da lui i particolari, di sentire dalla sua viva voce i retroscena del romanzo. Il dialogo tra l’autore e i giovani lettori è stato molto ricco e animato. Il ventaglio degli argomenti toccati da Matino si è aperto sulla struttura del racconto, sui “trucchi” utilizzati per creare i personaggi e si è andato man mano concentrando sul popolo cimbro, in particolare sulle “tracce” che questo popolo ha lasciato nel nostro presente, pur avendone noi perso la percezione profonda. All’immancabile domanda degli studenti “Ma la Romilda che fine ha fatto?” l’autore ha rilanciato con una sfida, che è poi il bello che ti resta quando sei arrivato alla fine di una narrazione, rispondendo con un sorriso: “Beh io vi ho passato la palla: a voi il prossimo calcio all’immaginazione!”. Matino è decisamente un grande!

Monica Roberta Carli





Questo post è stato letto 1815 volte!

One thought on “I ragazzi del Garbin di Thiene alla scoperta di Umberto Matino

  1. Io ho assistito all’incontro che si è tenuto nella sede di Schio ed è stato emozionante: sia per la comunicativa dell’oratore, capace di catturare l’attenzione dei nostri ragazzi con un linguaggio immediato e fare amichevole, sia per la partecipazione che ha visto uniti noi insegnanti e i ragazzi. Bravi i nostri ragazzi e chi organizza questi momenti di condivisione!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.